Articolo in evidenza

Sculture luminose per valorizzare gli ambienti di casa

Il settore dell’illuminazione domestica è in continua evoluzione, ed oggi il mercato propone prodotti che soddisfano sia le ovvie esigenze di illuminazione che quelle inerenti aspetti più legati alla sfera artistica e decorativa.

Le moderne sculture luminose proposte da FG Art e Design sono infatti  delle strutture “viventi” che si adattano allo spazio e che attraverso il loro innovativo concetto di design consentono la personalizzazione e la valorizzazione di qualsiasi tipo di ambiente.

Stile e design si fondono armoniosamente

Parliamo di soluzioni uniche che combinano magistralmente lo stile classico con il design più innovativo e ricercato: questa è l’essenza di una collezione che trasforma fasci di luce in sculture moderne e sofisticate per la casa. Acciaio, legno e vetro sono i principali materiali cui è affidato il  compito di plasmare queste creazioni fino ad ottenere il risultato desiderato, una perfetta unione di stile e funzionalità che ha lo scopo di risvegliare le emozioni di chi le osserva, senza stancare ma al contrario regalando ogni giorno qualcosa in più.

Le sculture luminose di FG Art e Design creano un universo unico in casa tua, grazie al loro fantastico design e portamento moderno che consente loro di mantenere un aspetto sofisticato e giochi di luce perfetti per illuminare il soggiorno, la sala da pranzo o qualsiasi altro ambiente di casa con creatività e ricercatezza. Un vero e proprio spettacolo in cui la luce è la vera e unica protagonista.

 Una soluzione per ogni ambiente di casa

Sia che la tua esigenza sia quella di valorizzare una parete o angolo che altrimenti risulterebbe essere troppo “spoglio”, sia che tu desideri una scultura luminosa che sia protagonista e che arricchisca un intero ambiente conferendogli un aspetto moderno e accattivante, le sculture luminose che FG Art e Design ti propone possono aiutarti in maniera concreta a raggiungere il tuo scopo.

All’interno del sito ufficiale puoi scorrere la gallery e farti un’idea precisa visionando alcune delle creazioni di questa storica azienda della provincia di Varese.

Articolo in evidenza

La macchina da caffè si veste d’oro e diventa… arte 

In occasione del Salone del Mobile e del relativo Fuorisalone, che anima tutta la città per una settimana, a Milano è possibile scoprire quasi in ogni quartiere installazioni, mostre, eventi e format davvero originali dedicati al design, all’arredo e alla moda. Tra le sorprese dell’edizione 2019 della kermesse, un vero e proprio happening di sette giorni e sette notti, non sono mancati momenti dedicati proprio al mondo del caffè. Tra gli spettacoli più attesi, c’è stata la presentazione della nuova iconica macchina caffè Lavazza, in edizione limitata. Un progetto nato dalla collaborazione fra la celebre azienda del caffè e un’eccellenza italiana del design come Gufram.

La macchina in versione gold

Nasce proprio così Deséa Golden Touch: un’opera d’arte in cui l’ultima nata in casa Lavazza per la preparazione del caffè a casa si veste con una livrea dorata, grazie all’interpretazione originale di questi marchio del design italiano. L’edizione limitata di Desèa – ce ne sono solo 10 esemplari! – è stata presentata a Milano nel distretto del design Ventura – Centrale, nella location degli ex magazzini della stazione trasformati da Lavazza e Gufram in un caveau di una banca, che conserva preziosi lingotti di caffè. Deséa Golden Touch ha la superficie della scocca simile a pelle dorata e increspata da onde. “Il colore oro della Deséa Golden Touch by Gufram evoca poi il valore della qualità Lavazza e l’inestimabile impegno di tutti coloro che sono coinvolti nel processo di coltivazione, selezione, trasformazione e distribuzione del caffè” fanno sapere le due aziende coinvolte nel progetto”. “Questa Deséa in edizione limitata è frutto della collaborazione tra Lavazza e Gufram, due aziende piemontesi che uniscono le loro forze per portare il design italiano nel mondo – ha aggiunto Pietro Cacace, responsabile Marketing macchine di Lavazza -. Quello del single serve è il segmento più dinamico del caffè e in Italia comprende circa 7 milioni di famiglie, soprattutto le più giovani”.

Lavazza a Modo Mio

Deséa fa parte della grande famiglia del sistema Lavazza a Modo Mio, che comprende appunto diverse tipologie di macchine da caffè e le relative capsule preparate con le celebri miscele di casa Lavazza. Le macchine sono compatte, dal design moderno e pop: tra i tanti plus, sono  proposte a un prezzo vantaggioso e sono di facile manutenzione e utilizzo. Tra i modelli di spicco del brand c’è anche un “compatta” particolarmente amata dagli italiani: è la macchina Lavazza a Modo Mio Tiny, dalle linee decisamente pop, coloratissima e dal minimo ingombro. Le capsule del sistema, poi, sono disponibili in numerosissime referenze di caffè, con tanti tipi di miscele e aromi, così come esistono le apposite capsule per realizzare altre bevande calde come il caffè ginseng o l’orzo. Macchine da caffè, così come capsule originali e compatibili, sono disponibili anche su CialdaMia, il il portale italiano del caffè in cialde e capsule di qualità. Qui, semplicemente registrandosi gratuitamente, è possibile fare shopping sia di macchine sia di scorte di capsule a prezzi sempre molto vantaggiosi: e senza nemmeno doversi muovere da casa o dall’ufficio!

Articolo in evidenza

La camera d’albergo perfetta? Comoda, silenziosa e ben accessoriata

“Sia per gli uomini d’affari che per i turisti, la qualità delle stanze è il motivo principale alla base della scelta di un hotel”: lo dice il report sulla  fedeltà ai brand alberghieri di PwC, una recente ricerca che ha analizzato nel profondo le motivazioni per cui le persone optano per una struttura alberghiera piuttosto che un’altra.  L’analisi è stata poi elaborata da Trivago,  primario portale on line per la comparazione dei prezzi degli hotel di tutto il mondo. Le indicazioni a disposizione del comparto sono davvero interessanti.

Gli ospiti vogliono di più

In estrema sintesi, quello che emerge con forza dagli studi è che i clienti degli hotel vogliono di più, molto di più, di un semplice tetto sulla testa, per quanto possa essere confortevole. Quello che desiderano è un’esperienza a 360 gradi, in cui la camera è un elemento fondamentale, a prescindere dalle stelle e dalla categoria della struttura. Gli ospiti, quindi, desiderano essere viziati, sorpresi, coccolati. E la differenza la fanno i dettagli, gli accessori, i servizi. Qui un excursus di quello che non dovrebbe mai mancare in una stanza d’albergo.

Cuscini e lenzuola

Il letto deve essere comodo. In fondo, si va in albergo perché si è lontani da casa e si desidera un nido caldo e accogliente dove riposarsi. Ovviamente, cuscini e lenzuola devono essere all’altezza. Se possibile, quindi, dovrebbero essere posizionati sul letto cuscini di diverso grado di morbidezza e altezza. E, soprattutto, le lenzuola dovrebbero essere di materiali naturali, traspiranti e ovviamente immacolate e ben stirate. Nei mesi più freddi, poi, sarebbe opportuno vestire il letto con un soffice piumone, sempre pulitissimo.

Asciugamani

Se per le mani si possono anche posizionare nel bagno degli asciugamani elettrici, per la doccia gli asciugamani dovrebbero essere grandi, bianchi, morbidi e in perfetto stato. Gli asciugamani di qualità danno un senso di lusso. Attenzione anche alle misure: quelli per il corpo devono coprire… tutto il corpo. Spesso le stanze d’hotel non sono singole e anche chi viaggia per lavoro potrebbe condividere lo spazio con un collega.

Dotazioni in bagno

Mai senza sapone, anche in dispenser, shampoo, kit di cortesia. E’ una piccola coccola che però fa la differenza. Idem per l’asciugacapelli, che non deve mai mancare in un albergo che possa definirsi tale. Per non correre il rischio di incorrere in furti o manomissioni, gli albergatori possono installare un phon da parete: quelli moderni sono belli, dal design ricercato e soprattutto offrono alte prestazioni a fronte di consumi energetici davvero contenuti. Per avere un’idea di quello che propone il mercato, Mediclinics è un’azienda specializzata in questa tipologia di prodotti, oltre che in asciugamani elettrici, dispenser, fasciatoi e accessori per l’hotellerie. Agli alberghi, offre una linea di asciugacapelli da parete quali piccoli phon a pistola con funzionamento a grilletto (in modo che non possano rimanere accesi incustoditi), o in alternativa quelli con tubo estendibile in plastica. Sempre funzionali, sempre disponibili, sono pensati esclusivamente per l’utilizzo privato in camera.

Bevande e wifi

Spesso i clienti si lamentano dei prezzi stratosferici del minibar. Un piccolo omaggio, ma assai gradito, è quello di far trovare in camera una bibita e dell’acqua in bottiglia senza sovrapprezzo. La stessa cosa, dovrebbe accadere per il wifi, che già oggi è gratuito nella maggior parte delle strutture di un certo livello.

Articolo in evidenza

Giacche Freaky Nation | Qualità e voglia di osare

Hai già dato un’occhiata al nuovo catalogo Freaky Nation? Questo marchio giovane e anticonformista, nato nel 2007 e da subito in grado di conquistare l’attenzione di chi ama indossare giacche e abbigliamento in pelle in grado di stupire, presenta una collezione che non ha paura di osare con la sua eccentricità. Parliamo di un gruppo, quello Manipol di cui Freaky Nation fa parte, che è leader nella produzione di capi in pelle nonchè garanzia di qualità che deriva dall’oculata selezione delle materia prima da impiegare e dall’assoluta meticolosità applicata in ciascuna delle fasi di lavorazione. È proprio questo mix esplosivo fatto di qualità e voglia di osare a regalare ad ogni creazione Freaky Nation quello stile giovane ed inconfondibile, che va aldilà degli schermi per consentire a ciascuno di vestire mostrando agli altri parte della propria personalità e del modo di intendere la vita.

Su Revolution Concept Store trovi le più belle giacche Freaky Nation, e puoi riceverle comodamente a casa in pochi clic. L’ottima galleria fotografica, a tua disposizione per ogni singola scheda prodotto, ti aiuterà a comprendere meglio le caratteristiche del capo che stai osservando, e non dovrai far altro che selezionare la tua misura prima di aggiungere il prodotto al carrello. Potrai decidere se ritirare la merce direttamente in negozio o se farla spedire a casa, e pagare con tutta la comodità e sicurezza di Paypal o optare per il contrassegno se lo preferisci. Potrai anche decidere di completare il tuo acquisto aggiungendo all’ordine uno degli ottimi accessori proposti, tra i quali occhiali da sole, profumi, cinture, cappelli, borse e zaini, tra tutti. Sfrutta inoltre la possibilità di ricevere un coupon sconto sul tuo prossimo acquisto inserendo l’apposito codice al momento del check-out, grazie al quale è possibile ottenere una riduzione di prezzo anche fino al 30%!

Articolo in evidenza

Sistemi di controllo degli accessi Cotini srl

Garantire la sicurezza sul luogo di lavoro significa anche gestire in maniera sicura gli accessi, riuscendo efficacemente ad impedire l’accesso ai non autorizzati alle aree in cui viene svolta l’attività lavorativa. Oggi la tecnologia ha fatto passi da gigante in questo settore, e sono presenti in commercio sistemi di controllo accessi di ultima generazione in grado di garantire tutta la sicurezza necessaria ai lavoratori. I sistemi progettati e commercializzati da Cotini srl rappresentano l’avanguardia in questo settore, soluzioni innovative personalizzabili in base alle specifiche esigenze di ogni cliente e per questo in grado di rappresentare un reale valore aggiunto. I sistemi sviluppati da Cotini srl e basati su centralina ad esempio, consentono di avere un efficace controllo sul flusso di lavoratori che effettuano l’accesso in una specifica area, e gestiscono i lettori che permettono ai lavoratori di potersi fare identificare.

Ogni centralina legge i dati che vengono inviati dal lettore e li paragona con quelli già caricati in archivio, così da determinare chi può avere accesso e chi meno a quella specifica zona o area ad accesso limitato. Il passaggio degli utenti è tracciato in tempo reale, e questo è un altro fattore da tenere in considerazione in ottica sicurezza perché consente in qualsiasi momento di sapere con precisione chi si trova all’interno dei locali, il che è di fondamentale importanza in caso di emergenze che richiedono una rapida evacuazione. La centralina gestisce comunque le regole di accesso che possono essere programmate in base alle richieste del cliente, per cui sarà possibile ad esempio consentire ai lavoratori l’accesso in una specifica zona ma non in un’altra, oppure consentir loro di poter accedere ma soltanto in determinati giorni della settimana o particolari fasce orarie. I sistemi Cotini srl sono dunque una soluzione assolutamente concreta ed efficace per la gestione degli accessi in azienda. Contatta il recapito telefonico 024580780 per informazioni di ogni tipo o per esporre le tue specifiche necessità.

Covid-19 e informazione, Tv e internet le fonti principali

Da quando è iniziata la pandemia la principale fonte di informazione sul Covid-19 finora sono stati la televisione e internet. Il 42,7% degli italiani ritiene poi di avere un ottimo livello di conoscenze sulla vaccinazione contro il Covid-19, mentre per il 23,3% il proprio livello di conoscenza è scarso o sufficiente, e circa un terzo lo considera discreto.  Si tratta di alcuni dati evidenziati dall’indagine condotta dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) e la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa su un campione di oltre 12.300 italiani.

Gli over 65 si considerano i più sicuri delle proprie conoscenze

Se la fonte di informazione principale sul Covid-19 finora sono stati la tv (66,6%) e internet (45,3%), a sentirsi più sicuri delle proprie conoscenze risultano gli over 65 (48,7%), mentre a considerarsi più disinformati sono gli intervistati di età compresa tra i 45 e i 54 anni (26,9%). Nel prossimo futuro però la maggior parte degli italiani vorrebbe poter ottenere maggiori informazioni sul Coronavirus, in particolare sui vaccini anti-Covid, su come funzionano e sugli eventuali effetti collaterali. Ma di chi vorrebbero essere più informati? Direttamente dalle istituzioni sanitarie (54,6%), riporta una notizia Ansa, oppure da medici di medicina generale e pediatri di libera scelta (45,5%), o da medici specialisti (34,5%).

Vaccinarsi si o no? Dipende dall’efficacia del vaccino, ma non solo

L’indagine inoltre ha analizzato i fattori che possono aumentare la propensione a vaccinarsi, come il tempo necessario a vaccinarsi o le modalità di prenotazione. Dall’indagine quindi è emerso che la probabilità di vaccinarsi tra gli intervistati aumenta quando il luogo della somministrazione del vaccino è più accessibile e facilmente raggiungibile, oppure quando l’efficacia del vaccino è maggiore, il tempo necessario per vaccinarsi è minore, e quando l’appuntamento per la vaccinazione è comunicato e confermato automaticamente, a meno di cancellazione.

Gli interventi suggeriti per aumentare l’adesione alla campagna vaccinale

Sempre secondo l’indagine, al contrario, la propensione a vaccinarsi cala quando il rischio di effetti collaterali è maggiore e la maggioranza della popolazione è contraria alla vaccinazione. Tra gli interventi suggeriti per aumentare ancora di più l’adesione alla campagna vaccinale, oltre a inserire nei siti web regionali e aziendali una sezione informativa sull’efficacia e i rischi dei vaccini, “ci dovrà essere senz’altro una strategia di comunicazione mirata, condivisa e unica, semplice e comprensibile anche a chi è meno istruito”, commenta Sabina Nuti, rettrice della Scuola S. Anna di Pisa.

Per l’85% dei manager cambiare governance fa bene all’economia locale

I cambi di governance, come acquisti, cessioni, fusioni, fanno bene all’economia locale. Lo pensa l’85% degli imprenditori e manager che hanno partecipato alla ricerca Governance Change di Fondirigenti, realizzata sul territorio di Reggio Emilia dal Cis, la Scuola per la gestione d’impresa che fa capo alla Confindustria di Reggio Emilia. L’indagine è stata condotta su un gruppo di imprese, quasi tutte oggetto di acquisizione, dove però è stato mantenuto il livello occupazionale preesistente, senza operare tagli.

Un aspetto decisivo che determina la sopravvivenza di molte Pmi

Le operazioni di fusioni, cessioni, acquisti, “costituiscono un’importante fonte di dinamismo per il tessuto industriale locale, uno stimolo alla trasformazione di modelli organizzativi tradizionali e a volte obsoleti, una risorsa per affrontare i mercati globali con la forza necessaria”, si legge nella ricerca, e comportano “un aumento delle responsabilità del manager”.

“Il cambio di governance – sottolinea Costanza Patti, direttore generale di Fondirigenti – rappresenta per le piccole e medie aziende italiane un aspetto così decisivo da determinarne in molti casi la sopravvivenza, ed è di assoluta importanza che venga attuato con strategie oculate, come suggerisce questa ricerca”.

I gruppi cinesi rispettano di più la cultura aziendale locale

Fra gli imprenditori che hanno abbracciato il progetto, c’è però anche chi ha comunicato esperienze di segno negativo, caratterizzate da “prepotenza culturale” dei nuovi partner o nuovi acquirenti, con uno scarso rispetto della specificità e dei punti di forza locali. Sotto questo aspetto, per quanto riguarda le cessioni a gruppi stranieri, se il “modello di incorporazione” anglosassone, ancor più nella versione Usa, tende a imporre le proprie soluzioni a livello globale, è sorprendente che a usare la “mano leggera” rispetto alla cultura aziendale locale siano i gruppi cinesi, con una forma di integrazione più strategica che strettamente operativa, riporta Adnkronos/Labitalia.

Più cessioni all’estero che acquisizioni da parte di imprese regionali

Il progetto si è realizzato in una regione, l’Emilia Romagna, particolarmente caratterizzata dai cambi di governance. Solo nel 2019 sono avvenute circa 200 tra fusioni e acquisizioni, un quinto di tutte le operazioni realizzate in Italia. Si rilevano poi più cessioni all’estero che acquisizioni da parte di imprese regionali, e gli imprenditori stranieri più attivi sono gli americani (60 operazioni) i francesi (42) e le aziende del Regno Unito (33). In Italia, invece, secondo il dati forniti dalla rete di servizi professionali Kpmg, tra il 2010 e il 2019 ci sono state 40 miliardi di acquisizioni estere da parte di aziende italiane, e soltanto 16,6 miliardi di acquisizioni italiane di aziende straniere. Anche se nel 2020, nonostante il Covid, il trend sembra essersi invertito.

Italiani e spesa online, i prodotti più acquistati nel 2020

Come sono cambiati i comportamenti di consumo degli italiani nell’anno della pandemia da Covid-19? Secondo i dati della seconda edizione del Report Annuale di Everli, il marketplace della spesa online, il 2020 ha registrato un incremento a tripla cifra (+208%) degli acquisti online rispetto al 2019, e nella top 10 dei prodotti più acquistati al primo posto sale la categoria frutta e verdura, spodestando formaggi, salumi e gastronomia, scesi in quarta posizione. Seguono i prodotti per colazione, dolciumi e snack (2°), e al 3° latte, burro e yogurt. Mentre nelle retrovie si trovano surgelati e gelati (9°), insieme ai prodotti per la cura e l’igiene personale (10°), che perdono entrambi una posizione rispetto al ranking dell’anno precedente.

L’impatto del Covid-19 sul carrello

Complice l’emergenza sanitaria, durante il 2020 Everli evidenzia un’impennata a quattro cifre degli acquisti online di guanti e prodotti per la pulizia della casa, insieme a preparati per pane e pizza fatti in casa (+5046%), e ai prodotti per la cura delle mani (+4615%). Il volume maggiore di acquisti si è concentrato soprattutto nei mesi di aprile e maggio, con una flessione nel periodo da luglio a settembre, per poi tornare a crescere nuovamente in concomitanza con la seconda ondata dell’emergenza tra novembre e dicembre. Gli italiani però si confermano abitudinari: seppure con piccole differenze nel corso dei 12 mesi, il lunedì mattina rimane il momento preferito per dedicarsi alla spesa, soprattutto tra le 10 e le 11.

Bolzano al primo posto per acquisti di frutta e verdura

Quanto alla classifica che incrocia le province italiane e le categorie di prodotti, Bolzano si posiziona al primo posto tra le 10 province italiane per il volume di acquisti di frutta e verdura. Negli ultimi dodici mesi il 90% delle spese online della provincia ha riguardato proprio i prodotti di questa categoria. Nel 2020 però è l’Emilia Romagna a confermarsi come la regione più sana d’Italia con 4 province in classifica. Forlì-Cesena e Modena, sul podio rispettivamente al 2° e 3° posto, Bologna (6°) e Parma, che scende in picchiata di sette posizioni rispetto al 2019, classificandosi ottava.

Rovigo al top per dolci e alcolici, Lodi per carne e pesce

Rovigo si aggiudica invece il primato come provincia più golosa e per l’acquisto di alcolici online: più di 8 carrelli su 10 hanno contenuto almeno un dolce (85%), e quasi 1 su 2 (47%) vino, birra e altre bevande alcoliche. Il podio goloso procede con Livorno (2°) e Forlì-Cesena (3°), mentre quello alcolico vede in seconda posizione Mantova, seguita da Livorno. Quanto agli acquisti più significativi di carne e pesce sono stati registrati in Lombardia. In particolare a Lodi (1°), con il 36% della spesa complessiva annuale locale. A farle compagnia, al secondo posto, Pavia (35%), a pari merito con Rovigo. Chiude il podio a un solo punto percentuale di distanza la città di Parma.

Per gli italiani la ripresa deve affrontare la crisi climatica

Per il 60% degli italiani la ripresa economica post-pandemica deve tenere conto dell’emergenza climatica. È quanto rilevato dall’indagine della Bei sul clima, che misura gli atteggiamenti e le opinioni dei cittadini europei sui cambiamenti climatici. In particolare, il 68% degli italiani afferma che la pandemia di Covid-19 sia la sfida maggiore che l’Italia deve affrontare, ma il 92% sostiene che i cambiamenti climatici incidano sulla propria vita quotidiana, e l’80% si dichiara a favore di misure governative più stringenti di contrasto ai cambiamenti climatici.

La classifica delle preoccupazioni

La crisi causata dal Covid-19 scompiglia quindi l’ordine di importanza delle sfide. L’indagine rileva che al centro dell’attenzione degli italiani ci sono le conseguenze economiche della crisi causata dal Covid-19. La classifica delle preoccupazioni vede pertanto dopo la pandemia, la disoccupazione (63%), la crisi finanziaria (47%) e i cambiamenti climatici (32%), scesi però di nove punti rispetto al 2019. Per il 92% degli italiani, comunque, i cambiamenti climatici incidono nella vita quotidiana, una percentuale superiore del 17% rispetto alla media europea (75%). Questa opinione sembra prevalere in particolare tra la popolazione femminile (94%) della fascia di età compresa tra i 15 e i 29 anni (97%), riporta Adnkronos.

Il governo dovrebbe promuovere una crescita a basso impatto di CO2

La maggior parte degli italiani ritiene comunque che l’azione per il clima sia essenziale per la ripresa economica post-pandemia di Covid-19.

Prevalgono coloro che considerano la ripresa economica post-pandemica strettamente legata all’emergenza climatica, e ritengono che il governo dovrebbe promuovere una crescita a basso impatto di CO2 e resiliente sotto il profilo climatico. Si tratta di una percentuale (60%) di tre punti superiore alla media europea (57%). Il 40% degli intervistati italiani afferma inoltre che il governo dovrebbe usare qualsiasi mezzo per stimolare l’economia nell’interesse di una rapida crescita economica.

L’80% degli italiani è favorevole a misure governative più stringenti

Insomma, gli italiani si aspettano che il loro Paese si impegni di più nella lotta contro i cambiamenti climatici. L’80% degli italiani, contro il 70% della media degli europei, è favorevole a misure governative più stringenti e correttive dei comportamenti individuali per contrastare i cambiamenti climatici. Solo il 35% degli italiani ritiene che l’Italia sia in prima linea nella lotta ai cambiamenti climatici, una percentuale di sei punti inferiore alla media europea (41%). Viceversa, il 57% degli italiani crede che l’Ue europea svolga un ruolo di primo piano nella lotta contro i cambiamenti climatici, una percentuale più bassa di quasi 10 percentuali della media europea (66%).

Mercato podcast, in Italia cresciuto del 15% in un anno

Il podcast è giovane: questa modalità di fruizione di contenuti piace soprattutto alla fascia d’età 18-24 anni, che attraverso questa modalità ricerca in particolar modo approfondimenti sui più diversi temi. E’ quanto emerge dalla ricerca annuale Nielsen per Audible, presentata in questi giorni. Ma non solo: il podcast continua a crescere, conquistando sempre nuove fasce di mercato. I contenuti audio di qualità in Italia segnano infatti un balzo in avanti significativo: nel 2020 i cosiddetti “podcaster” sono stati quasi 14 milioni, il 15% in più sui circa 12 milioni del 2019. Ma chi sono gli “ascoltatori”? Si tratta di persone che hanno ascoltato almeno un podcast durante quest’anno, in cui pandemia e il conseguente lockdown hanno accelerato i consumi digitali. Di questo i podcast hanno beneficiato – per un utente su quattro è cresciuto il consumo digitale di questi contenuti audio – delineando una “nuova normalità”: la maggior parte delle persone che ha aumentato la frequenza di ascolto di podcast durante il primo lockdown ha infatti poi mantenuto lo stesso livello di ascolto anche successivamente. Segno che la nuova abitudine si è consolidata nel comportamento quotidiano degli italiani.

I contenuti preferiti

Quali sono però i contenuti più ascoltati? Tra gli argomenti in crescita rispetto al 2019 troviamo news e attualità, approfondimenti tematici (apprezzati soprattutto dalla fascia più giovane di ascoltatori, dai 18 ai 24 anni), formazione e self-help. Anche i contenuti per bambini, utilizzati come intrattenimento dalle famiglie in questo particolare momento storico, hanno incrementato i risultati positivi. Del resto in vetta alla classifica dei motivi per cui ascoltiamo podcast c’è il bisogno di informarsi (dato in forte crescita rispetto al 2019), e a seguire il relax e il desiderio di scoprire nuovi contenuti che possano appagare la propria voglia di crescita. La ricerca di divertimento invece accomuna la fascia più giovane di ascoltatori (18-24 anni).

Cresce anche il tempo dell’ascolto

Parallelamente all’utilizzo, aumenta rispetto al 2019 anche il tempo di ascolto:  ogni sessione dura in media quasi 25 minuti (in crescita rispetto ai quasi 23 del 2019), mentre i più appassionati, i cosiddetti ‘heavy users’ dedicano oltre 30 minuti di ascolto a sessione (contro i 27 del 2019). Ancora, è in aumento il numero di coloro che ascoltano questo tipo di contenuti ogni giorno (6%), mentre è stabile rispetto all’anno passato la frequenza,  con il 28% degli intervistati che ascolta un podcast almeno una volta alla settimana. Non sorprende infine che sia la casa – a maggior ragione in questo anno anomalo – sia il luogo preferito per ascoltare podcast.

In Italia cresce la collaborazione tra startup e imprese mature

Il Corporate Venture Capital, con 1,77 miliardi di euro, è la principale fonte di investimento nell’ecosistema delle startup e Pmi innovative. Negli ultimi due anni infatti il numero delle quote dei soci Corporate che hanno investito in startup innovative è aumentato dell’83,7%, passando da 7.653 a 14.055 unità, di cui circa 6.000 partecipazioni dirette (+62,3%). A ciò si aggiungono 5.900 quote in Pmi innovative, di cui 1.941 partecipazioni dirette. L’Italia conferma quindi il trend di crescita degli investimenti in startup innovative e la dinamica positiva dell’open innovation.

È quanto emerge dall’Osservatorio promosso da Assolombarda, InnovUp, Smau e la Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi, con la partnership di InfoCamere e degli Osservatori del Politecnico di Milano, e il supporto di Confindustria e Piccola Industria Confindustria.

Nel 2019, 2,5 miliardi di euro il fatturato generato da startup e Pmi innovative

Con 1,77 miliardi gli operatori Corporate, ovvero le imprese mature del sistema industriale italiano e internazionale, e quelli Family&Friends (1,28 miliardi), persone fisiche e ditte individuali, contribuiscono a oltre il doppio degli investimenti provenienti dagli investitori specializzati (1,05 miliardi). Quanto ai dati di bilancio, nel 2019 il fatturato generato da startup e Pmi innovative era pari a 2,5 miliardi di euro. Il 57% di questi ricavi, pari a 1,46 miliardi, è prodotto da aziende nel portafoglio di corporate venture capital, riporta Ansa.

La maggior parte dei soci Corporate ha sede nel Nord Italia

L’Osservatorio rivela che gli investitori specializzati in innovazione sono nel capitale di 610 startup e Pmi innovative iscritte alla sezione speciale del Registro, mentre i soli Corporate Venture Capital sono nel capitale di 3.923 startup e Pmi innovative (+23% rispetto all’anno precedente per quanto riguarda le sole startup), e 9.168 startup e Pmi innovative hanno come soci solo Family&Friends.  La maggior parte dei soci Corporate di startup e Pmi innovative, rispettivamente il 68,7% e il 58,4%, ha sede al Nord del Paese. Di contro, si rileva una distribuzione più omogenea di startup e Pmi innovative su tutto il territorio italiano, a testimonianza di un flusso di investimenti da parte di corporate del Nord che va a beneficio di startup e Pmi innovative che operano nel Centro Sud, riferisce CorriereComunicazioni.

“Le imprese credono sempre più nel valore aggiunto delle realtà innovative”

Anche in Italia le imprese di ogni dimensione credono sempre più nel valore aggiunto derivante dalla collaborazione quotidiana con le imprese innovative. “Soprattutto negli ultimi mesi abbiamo potuto constatare come le imprese innovative siano per propria natura quelle in grado di fornire in breve tempo soluzioni efficaci per far fronte ai repentini cambiamenti di scenario – commenta Angelo Coletta, Presidente di InnovUp -. Sta ora alla politica confermare la crescente attenzione al settore, rendendo, con gli strumenti legislativi adeguati, ancora più strutturale lo scambio virtuoso tra le grandi e le piccole realtà del tessuto imprenditoriale italiano, vero motore della fase di ripresa del nostro Paese”.

L’economia del benessere al tempo del Covid

Nell’ultimo anno il valore complessivo della spesa degli italiani per prodotti e servizi per il benessere ammonta a 37 miliardi di euro, con un calo del 14% rispetto ai 43 miliardi registrati nel 2018. Ma a diminuire è stata anche la spesa pro-capite: se nel 2018 si spendevano all’incirca 1300 euro l’anno nel 2020 si è scesi a 1200 euro annui (-7%). Queste alcune evidenze emerse dal secondo Rapporto sull’Economia del Benessere 2020, realizzato a giugno 2020 da BVA Doxa per Philips. La ripartizione del paniere di spesa per il benessere però è in linea con quanto rilevato nella prima edizione del Rapporto: il 40% è costituito da spese per la sana alimentazione (41% nel 2018), il 23%, invece, viene dedicato alla cura del corpo (24% nel 2018), e il 19% all’attività fisica (20% nel 2018).

Il paniere della salute

Ma i numeri in termini assoluti fanno emergere un quadro sostanzialmente diverso. La spesa in sana alimentazione registra una contrazione del 15%, così come quella per la cura del corpo (8,6 miliardi di euro contro 10,2 miliardi nel 2018), mentre riguardo all’attività fisica la contrazione è stata del 17%. Dopo gli ultimi mesi di isolamento, in cui gli italiani sono stati soggetti a elevati livelli di tensione e incertezza, la voce di spesa dedicata alla gestione dello stress è rimasta invariata (4,8 miliardi contro 4,9 miliardi nel 2018), mentre la spesa per il sonno è salita a 2,1 miliardi di euro (+16% rispetto al 2018).

Le ripercussioni sulla  prevenzione

Sebbene la percentuale di quanti valutano positivamente il proprio stato di salute (81%) sia rimasta invariata rispetto alla precedente rilevazione, l’emergenza Covid-19 ha avuto significative ripercussioni sulle pratiche orientate alla prevenzione. Com’era lecito attendersi, è diminuita la frequenza con cui ci si è rivolti di persona al medico di famiglia e si sono eseguiti esami e accertamenti. Queste consuetudini sono state parzialmente sostituite da consulti a distanza e online, a cui hanno fatto ricorso il 56% degli italiani per quanto riguarda i medici di famiglia, mentre il 35% si è rivolto a specialisti.

L’emergenza rallenta i settori cura del corpo e attività fisica

Il settore della cura del corpo è tra quelli che più duramente ha subito il contraccolpo, registrando un calo del -15%. I soli centri estetici hanno perso 1,2 miliardi di euro rispetto al 2018, mentre una contrazione più contenuta (-5%) ha riguardato la spesa per i dispositivi per la cura della persona. L’emergenza Covid-19 ha poi bloccato anche l’espansione della pratica sportiva, causando una contrazione della spesa del -17%. Soffre soprattutto il mondo palestre e piscine (-850 milioni di euro) e il settore abbigliamento e attrezzature sportive (-300 milioni di euro), mentre rimane invariata la spesa per device tecnologici per lo sport. In deciso aumento invece l’utilizzo di supporti digitali e il ricorso a personal trainer (20% vs 10% 2018), anche grazie alle lezioni a distanza, alle quali fa ricorso il 10% degli sportivi.

L’esperienza nel lavoro conta, ma non sempre

Quanto è utile essere in possesso di esperienze di lavoro precedenti per essere selezionati dalle aziende? È una domanda che tutti i candidati a una determinata posizione lavorativa si pongono, provando a stilare un CV competitivo.

Chi vuole trovare lavoro lo sa, la prima cosa da fare è compilare un buon CV. Ovvero, cercare di inserire le competenze utili per essere competitivi, mettere in atto alcune strategie comunicative e di impaginazione per richiamare l’attenzione, e inserire le esperienze pregresse, soprattutto nel settore per il quale si compete.

Le aziende preferiscono assumere personale che abbia già le competenze necessarie

Secondo un sondaggio condotto da LinkedIn, alla domanda “quanto è importante l’ultima posizione lavorativa inserita in un CV per ottenere un nuovo impiego nel posto desiderato?” il 62% ha risposto moltissimo, mentre solo l’8% ha affermato che non conta niente. Il 31% invece sostiene che dipende dalla situazione. In generale, gli utenti di LinkedIn sostengono che, soprattutto in seguito alla crisi innescata dalla pandemia, le aziende preferiscono assumere personale che presenti già le competenze necessarie e che dunque non abbia bisogno di un’adeguata formazione.

Più attenzione al coraggio di accettare nuove sfide

“Per quanto osservo – scrive un utente sul social network – la situazione Covid ha avuto una ricaduta sul lavoro significativa, ma ancora parziale. Molte libere professioni e imprese o già in difficoltà o operanti in settori direttamente colpiti (turismo e ristorazione ad esempio) ne hanno risentito pesantemente. Per altri nei prossimi mesi, e in particolare dopo l’autunno/inverno, avremo un quadro più chiaro e probabilmente critico”. Scrive un altro utente: “Le competenze cosiddette ‘tecniche’ si acquisiscono, si sviluppano, si migliorano, ma ciò su cui il mondo del lavoro oggi dovrebbe porre maggiore attenzione è alla passione, alla voglia di rimettersi in gioco, al coraggio di accettare nuove sfide, alla determinazione a portare avanti un progetto”.

Potenzialità ed esperienza, i due elementi determinanti per la selezione

E c’è chi, infine, considera importante il quadro generale che si può comprendere da un CV, e quindi non solo dalle posizioni ricoperte in passato.

“Si suppone, erroneamente, che l’ultima posizione ricoperta sia apicale rispetto a un processo di crescita costante durante tutto il corso della propria vita professionale – scrive un utente -. Ma non funziona così. Non c’è HR Manager o Executive che non sappia che esistono due elementi dirimenti nella selezione di un candidato: la sua potenzialità e il complesso delle esperienze/competenze acquisite nel tempo. L’approccio sistemico nella valutazione del potenziale ancora inespresso fanno di un candidato quello giusto a ricoprire una (futura) posizione potendo esprimere quello che ancora non ha espresso fino a quel momento. Altrimenti, è un inerme attardarsi su cose già note”.

Troppo noiosi per essere hackerati: quali la metà dei Millennial italiani la pensa così

Sappiamo tutti benissimo che dovremmo migliorare i livelli di sicurezza informatica, così da proteggere i nostri dati più sensibili. Eppure, non lo facciamo o non lo facciamo abbastanza. Per pigrizia, per inesperienza e qualcuno anche per… noia. Proprio così: in particolare i giovani italiani, i cosiddetti Millennial, si reputano talmente poco interessanti da non poter finire nelle grinfie dei criminali informatici. A dirlo è una nuova indagine di Kaspersky, che ha indagato su come gli utenti stiano modificando le proprie abitudini per sentirsi più a loro agio riguardo al ruolo che la tecnologia riveste nella loro vita.

Intenzioni contro azioni

Il report analizzai in particolare il fatto che i Millennial dichiarino di voler alzare i loro livelli di protezione online, però si comportano in maniera molto diversa. Come a dire che alle intenzioni non corrispondono le azioni. Infatti circa la metà dei giovani italiani (43%per i Millennial nostrani contro il 37% a livello globale) è convinta di non costituire un bersaglio abbastanza interessante per i criminali informatici. Tuttavia, il 38% di loro (36% a livello globale) afferma di essere consapevole che la sicurezza informatica sia un fattore da dover prendere in seria considerazione ma ammette, al tempo stesso, che questo buon proposito finisce alla fine della lista delle cose da mettere in pratica.

Più tempo online restando a casa

A causa del lockdown prima e della diffusione sempre più massiccia dello smart working, dall’inizio dell’anno i Millennial italiani trascorrono online 1,4 ore in più al giorno,con una media giornaliera di tempo trascorso online di quasi 7 ore. Il dato è allineato alla tendenza mondiale: 1,8 ore al giorno,con una giornaliera di poco più di 7 ore. Quasi la metà degli utenti di questa generazione (45% per l’Italia, 49% del campione totale) ha dichiarato che trascorrere più tempo online ha aumentato la loro consapevolezza circa l’importanza della sicurezza digitale. “I Millennial italiani passano la maggior parte del loro tempo sui social media, ma il 67% (61% a livello globale),ha dichiarato che l’aumento del numero di online dating rispetto agli appuntamenti al di fuori del mondo digitale,rappresenta un fattore di preoccupazione per la loro sicurezza digitale” dice il report. Per mettersi al riparo dai guai, il 60% Millennial italiani (contro il 52% a livello globale) dichiara di utilizzare solo applicazioni affidabili provenienti da store ufficiali come Apple Store e Google Play mentre per proteggersi, il 52%di loro (49% a livello globale),esegue regolarmente scansioni antivirus su ogni dispositivo. C’è però una piccola percentuale – 8% – che sceglie comunque di avventurarsi su percorsi più rischiosi come, ad esempio, usare il wi-fi dei vicini a loro insaputa.