Archivi categoria: News varie

In Italia si celebrano più matrimoni, ma sempre più tardi

Negli anni più recenti, ovvero nel biennio 2015-2016, si assiste a un lieve aumento dei matrimoni, anche dovuto agli effetti del Decreto legge 132/2014, sull’introduzione dell’iter extra-giudiziale per separazioni e divorzi consensuali, e della Legge 55/2015 sul cosiddetto Divorzio breve, che hanno semplificato e velocizzato la possibilità di porre fine al matrimonio in essere, consentendo a un numero maggiore di coppie rispetto al passato, di potersi risposare. Secondo i dati contenuti nel Report dell’Istat su Matrimoni e Unioni civili 2018, la diminuzione dei primi matrimoni, per i quali cresce l’età in cui vengono celebrati, è invece da mettere in relazione in parte con la progressiva diffusione delle libere unioni.

Nel 2018 +4.500 “sì”, il 19,9% sono seconde nozze

Nel 2018 in Italia sono stati celebrati 195.778 matrimoni, circa 4.500 in più rispetto all’anno precedente (+2,3%). Cresce però l’età del fatidico sì. E attualmente gli sposi al primo matrimonio hanno in media 33,7 anni e le spose 31,5, rispettivamente 1,6 e 2,1 anni in più rispetto al 2008. Le seconde nozze, o successive, dopo una fase di crescita rilevata negli ultimi anni, dovuta anche all’introduzione del “divorzio breve”, rimangono stabili rispetto all’anno precedente. E la loro incidenza sul totale dei matrimoni raggiunge il 19,9%.

Quadruplicano le unioni civili, e aumento le convivenze prematrimoniali

Dal biennio 1997-1998 al 2017-2018 le unioni civili sono più che quadruplicate, passando da circa 329 mila a 1 milione 368 mila. L’incremento è dipeso prevalentemente dalla crescita delle libere unioni di celibi e nubili, passate da 122 mila a 830 mila circa. Accanto alla scelta delle libere unioni come modalità alternativa al matrimonio, sono in continuo aumento le convivenze prematrimoniali, le quali possono avere un effetto sul rinvio delle nozze a età più mature (posticipazione del primo matrimonio). Ma è soprattutto la protratta permanenza dei giovani nella famiglia di origine a determinare il rinvio delle prime nozze.

Nozze con stranieri e tra sposi dello stesso sesso

Nel 2018 sono state celebrate 33.933 nozze con almeno uno sposo straniero, il 17,3% del totale dei matrimoni, una proporzione in leggero aumento rispetto all’anno precedente. Nel 2018 sono state costituite 2.808 unioni civili tra coppie dello stesso sesso presso gli Uffici di Stato civile dei comuni italiani. Queste si vanno a sommare a quelle già costituite nel corso del secondo semestre 2016 (2.336), anno di entrata in vigore della Legge 20 maggio 2016, n. 76, e dell’anno 2017 (4.376). Come nelle attese, dopo il picco avutosi subito dopo l’entrata in vigore della nuova legge il fenomeno si sta ora stabilizzando.

Italiani i più longevi, ma fanno meno figli

In 10 anni gli over 65 sono aumentati di 1,8 milioni. E con il 22,8% di anziani l’Italia si colloca sul podio europeo per longevità, seguita da Grecia (21,9%), Portogallo (21,7%), Finlandia (21,6%) e Germania (21,5%). Nello stesso periodo però i giovani under 35 sono diminuiti di 1,5 milioni. Una tendenza all’invecchiamento, quindi, che aumenterà progressivamente. Le previsioni per il 2051 annunciano infatti che dagli attuali 13,7 milioni di anziani si passerà a 19,6 milioni, per un’incidenza sul totale della popolazione pari al 33,2%, e un incremento del +42,4%. Lo conferma il primo Rapporto Censis-Tender Capital, secondo il quale il calo delle nascite nel nostro Paese registra un vero e proprio crollo: -23,7%.

Il numero dei centenari dal 2001 aumenta del +129%

Ma non è tutto. Salgono in maniera esponenziale gli ultra 80enni, che nel 2019 sono 4,3 milioni e rappresentano il 7,2% della popolazione (+74,9% dal 2001).

Gli ultranovantenni, invece, sono 774.528, e dal 2001 (+94,5%), e cresce anche il numero dei centenari, arrivati a 14.456: +129% dal 2001, quando erano 6.313.

Il problema però è che il 20,7% degli anziani, oltre 2,8 milioni di persone, non è autosufficiente, e oltre gli ottant’anni la quota di non autosufficienti supera il 40%. Il fabbisogno assistenziale fino a oggi è stato coperto soprattutto dalle famiglie, che garantiscono assistenza diretta in almeno 7 casi su 10, e dalle badanti (circa 1 milione), con una spesa per le famiglie stimata in circa 9 miliardi di euro.

Circa 1 milione di anziani non beneficia di assistenza sanitaria domiciliare

Il modello italiano di welfare familiare e privato a copertura delle esigenze di assistenza degli anziani non autosufficienti inizia a mostrare segni di cedimento. Circa 1 milione di anziani presenta gravi limitazioni funzionali e non beneficia di assistenza sanitaria domiciliare.

“Oltre 2,7 milioni vivono in abitazioni non adeguate alla condizione di ridotta mobilità – si legge nel Rapporto -. Dati che allarmano, anche perché non bastano i 12,4 miliardi di spesa pubblica per l’assistenza a lungo termine, di cui 2,4 miliardi finalizzati alle cure domiciliari, pari al 10,8% della spesa sanitaria complessiva, comunque inferiore al dato Ue del 15,4%”.

I numeri della silver economy

Se i dati relativi gli anziani non autosufficienti sono allarmanti, gli over 65 al contrario sono considerati “generatori di benessere”, hanno una quota di ricchezza media più alta del 13,5% rispetto alla ricchezza media degli italiani, e spendono molto di più in cultura, svago e viaggi.

La situazione è diametralmente opposta per i Millennials, la cui ricchezza risulta inferiore del 54,6%. Un gap di reddito che spiega anche come mai in 25 anni si sia ridotta la spesa dei consumi familiari (-14%), mentre è aumentata quella degli anziani (+23%).

 

Sviluppo Sostenibile, Italia in ritardo sugli obiettivi

L’Italia è molto lontana dai 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030, e la distanza dagli altri Paesi rischia di allargarsi. Sul fronte del cambiamento climatico e sul tema delle rinnovabili sono stati fatti passi importanti, ma peggiorano gli ecosistemi e terrestri non si riesce ancora a definire una legge sul consumo di suolo. Non è perciò un quadro incoraggiante quello tratteggiato in occasione della presentazione del Rapporto ASviS 2019, che analizza l’andamento del Paese rispetto agli Obiettivi dell’Agenda 2030, ovvero il programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità, sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’Onu.

I dati del Rapporto ASviS 2019

Il rapporto evidenzia evidenti ritardi in settori cruciali per la transizione verso un modello sostenibile sul piano economico, sociale e ambientale, e forti disuguaglianze, comprese quelle territoriali. Se nel suo percorso verso i 17 Obiettivi l’Italia migliora in alcuni campi, tra come salute, uguaglianza di genere, condizione economica e occupazionale, innovazione, disuguaglianze, condizioni delle città, modelli sostenibili di produzione e consumo, qualità della governance e cooperazione internazionale, peggiora in altri, come povertà, alimentazione e agricoltura sostenibili, acqua e strutture igienico-sanitarie, sistema energetico, condizione dei mari ed ecosistemi terrestri. Ed è stabile per l’educazione e la lotta al cambiamento climatico.

Aumentano povertà assoluta e relativa

In particolare, tra le aree in cui il nostro Paese peggiora c’è il contrasto alla povertà (Obiettivo 1: Porre fine ad ogni forma di povertà nel mondo), il cui indicatore, dopo un andamento stazionario nel periodo 2012-2014, registra un netto peggioramento nel corso degli anni successivi. Nel biennio 2016-2017, la dinamica negativa è dovuta a un aumento della povertà assoluta e della povertà relativa, che registrano entrambe il valore più alto di tutta la serie storica osservata, rispettivamente 8,4% e 15,6% della popolazione. Tra gli individui in povertà assoluta si stima che i giovani di 18-34 anni siano 1 milione e 112mila, il valore più elevato dal 2005. E se nel 2017 si registra una diminuzione dell’indice di grave deprivazione materiale, resta comunque superiore di 3,5 punti rispetto alla media europea.

Crescita economica in lieve ripresa, +8 punti indice di abusivismo edilizio

Sul fronte della crescita economica (Obiettivo 8: Incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti), l’indicatore peggiora fino al 2014, a causa dell’andamento sfavorevole del Pil, dell’aumento della disoccupazione e della quota dei giovani Neet (la più alta dei Paesi UE), mentre nel triennio 2015-2017 si registra un lento recupero. A pesare sul segno negativo dell’Obiettivo 11 (Rendere la città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili), è invece l’indice di abusivismo edilizio, che cresce di otto punti percentuali rispetto al 2010, riporta Adnkronos

Gli italiani sono agli ultimi posti dei G7 per ricchezza netta pro capite

Nella classifica dei Paesi del G7 gli italiani si collocano agli ultimi posti per ricchezza. La ricchezza netta procapite dei nostri connazionali ammonta infatti a 160.600 euro, e se solo i tedeschi stanno peggio di noi, fermandosi a 151.900 euro, tutti gli altri “big” possono vantare risultati migliori. A partire dagli Stati Uniti, con 304.200 euro a persona, il Canada, con 191.800 euro, il Regno Unito, con 184.900 euro, e il Giappone, con 170.700 euro. I dati, elaborati dall’Adnkronos, sono contenuti nel rapporto Istat e Banca d’Italia, e si riferiscono al 2017.

Nel 2007 l’Italia si posizionava al terzo posto della classifica

In un passato non molto lontano l’Italia poteva vantare una posizione decisamente migliore. Nel 2007, infatti, con 158.800 euro di ricchezza netta pro capite, il nostro Paese occupava  la terza posizione. Al primo posto si posizionavano sempre gli Stati Uniti, con 179.800 euro, seguiti dal Regno Unito, con 172.300 euro. Dietro gli italiani nel 2007 si collocavano i francesi, con 145.400 euro, i giapponesi, con 120.800 euro, i canadesi con 114.900 euro, e ultimi, sempre i tedeschi, con 104.700 euro.

In 10 anni gli italiani hanno aumentato la loro ricchezza solo dell’1,1%

In 10 anni, quindi, gli italiani hanno aumentato la loro ricchezza solo di 1.800 euro, pari a un misero +1,1%, mentre gli abitanti degli altri Paesi sono riusciti a mettere “molto più fieno in cascina”. A partire dagli americani, che hanno visto crescere le loro attività (finanziarie e non) di 124.400 euro, registrando un +69,9% in 10 anni. Hanno potuto festeggiare anche i canadesi che, nello stesso periodo, hanno visto crescere i propri beni di 76.900 euro, per un aumento pari a +66,9%.

Per quasi tutti gli altri Paesi aumenti percentuali a due cifre

Proseguendo nel confronto con il 2007 anche i tedeschi, che in entrambe le classifiche occupano l’ultimo posto, possono ritenersi soddisfatti: la loro ricchezza è aumentata di 47.100 euro (+45,1%). La Germania in termini assoluti viene superata dai giapponesi, con 49.900 euro in più, ma in termini percentuali in questo caso l’incremento risulta leggermente inferiore: i giapponesi hanno accresciuto la propria ricchezza del 41,3%. Aumenti meno importanti, ma comunque quasi sempre a due cifre, sono quelli registrati dai francesi, dove la ricchezza è aumentata di 24.000 euro (+16,5%). Mentre gli inglesi si devono accontentare solo di 12.500 euro in più (+7,3%). In ogni caso, sempre meglio degli italiani.

Casa, quanto ci costi

In un paese dove circa l’83% delle persone vive sotto un tetto di proprietà, la casa è l’asset più importante nel patrimonio delle famiglie, ma rappresenta anche la principale voce di spesa nel budget mensile. Per la casa in media gli italiani spendono 942 euro al mese, ovvero, 11.304 euro all’anno per proprietà e gestione dell’abitazione principale, come le rate del mutuo, le utenze domestiche, le spese condominiali, le manutenzioni, e la tassa rifiuti. Ma le cifre differiscono sensibilmente sul territorio: a parità di caratteristiche dell’immobile, al Nord le famiglie pagano mediamente il 20% in più che al Sud e nelle Isole, mentre a livello di singole città, è Roma a guidare la classifica, con 1.219 euro al mese, ossia 14.628 euro annui.

In media 128.227 euro di finanziamenti erogati nel 2018 per l’acquisto

È quanto emerge da uno studio condotto da Facile.it e da Mutui.it, basato su dati Istat e Dipartimento delle finanze. Ai fini dell’elaborazione, riporta Adnkronos, è stato preso come riferimento un appartamento standard di circa 100 metri quadrati, situato in una zona intermedia del contesto abitativo. Di fatto, il taglio medio dei finanziamenti erogati nel 2018 per l’acquisto della casa è pari a 128.227 euro. Tuttavia, le differenze su base territoriale sono piuttosto elevate. Una famiglia perciò spende in media 864 euro di mutuo al mese a Roma, 753 euro a Milano, a Firenze 777 euro e a Bologna 770 euro. I costi per la proprietà immobiliare più bassi si registrano invece a Napoli (487 euro) e Palermo (430 euro).

Peso medio delle spese più basso al Sud e nelle periferie

A livello di aree geografiche, è al Nordest che i costi per l’acquisto della casa sono maggiori (623 euro mese), seguito dal Nordovest (599 euro) e dal Centro (646 euro). Il peso medio dei mutui delle famiglie che vivono nella periferia delle aree urbane, però, è inferiore di circa 10 punti percentuali rispetto a quello di chi abita entro i confini comunali, ed è pari a 777 euro al mese nell’hinterland della capitale e a 678 euro nel circondario milanese. Ma un’altra voce significativa è data dalle spese di gestione dell’immobile, dalle utenze per luce, gas e acqua alle spese condominiali, dalla manutenzione ordinaria a quella straordinaria. Anche qui i valori rimangono più alti nelle regioni settentrionali (+35% rispetto al Sud e alle Isole). Ed è Torino a guidare la classifica dei costi di forniture domestiche e manutenzioni, con 381 euro al mese, seguita a poca distanza da Bologna e Firenze (358 euro) e da Milano (351 euro).

Tassa rifiuti, situazione ribaltata a favore del Nord

Per quanto riguarda lo smaltimento dei rifiuti la situazione si ribalta. Sebbene a livello nazionale il prelievo medio per famiglia sia di circa 320 euro all’anno, le differenze territoriali sono molto più marcate, stavolta a sfavore del Sud. Mentre a Bologna o a Firenze il costo annuale non supera i 288 o i 240 euro, a Napoli e Cagliari i nuclei familiari sborsano in media 444 euro e 504 euro.

Al variare del numero di occupanti l’immobile cambiano naturalmente anche le relative spese di gestione e la tassa rifiuti, ma l’oscillazione non è proporzionale. La bolletta del gas di una famiglia di quattro persone non è infatti il quadruplo di quella di un single.

Shopping on line per le feste: un terzo degli italiani mette a rischio i propri dati bancari

Mai come nel periodo che va dal Black Friday di novembre ai saldi di gennaio bisogna tenere d’occhio le proprie transizioni on line e soprattutto mettere in sicurezza le proprie credenziali e i propri dati bancari. Già, perché proprio in questi mesi, quando lo shopping sul web si fa più consistente, i cybercriminali potrebbero “fare tombola”. In base a un recente report di Kaspersky Lab, il 32% degli intervistati ha già messo le proprie credenziali bancarie nelle mani sbagliate e ben un quarto di loro non ha mai recuperato il proprio denaro. Tra i fattori che potrebbero mettere a rischio le finanze degli utenti, troviamo la difficoltà nel tenere sotto controllo le proprie credenziali, dopo averle utilizzate su varie piattaforme di e-commerce e la varietà dei metodi di pagamento disponibili.

Gli italiani hanno la memoria corta

Fare shopping online è come visitare un enorme centro commerciale dove gli utenti possono acquistare da decine di diverse piattaforme per l’e-commerce. Ovviamente, gli acquirenti fanno fatica a tenere sotto controllo i dettagli dei loro pagamenti online. Quasi la metà degli utenti italiani coinvolti dallo studio di Kaspersky Lab (48%) è soprattutto preoccupata dall’eventualità che i criminali informatici possano accedere proprio alle loro credenziali bancarie online. Tuttavia, circa la metà degli intervistati (48%) ammette di aver dimenticato o di non aver neanche cercato di ricordare su quali siti o quali applicazioni abbia effettivamente condiviso le proprie credenziali. Per rendere le credenziali di pagamento online facili da reperire e da ricordare, un utente su cinque (29%) preferisce salvarle su uno dei suoi dispositivi. Tale tendenza rende più agevole l’inserimento di quelle stesse credenziali quando si fa shopping, così da non doversi preoccupare di perderle. Tuttavia, nel caso in cui il dispositivo venisse perso o rubato, l’utente rischierebbe non solo di perdere i suoi dati personali, ma anche i suoi soldi, dal momento che qualcuno potrebbe accedere al suo account bancario se trovasse le credenziali salvate nelle note dello smartphone.

Come pagare?

I metodi di pagamento preferibili restano le carte di debito e credito, il trasferimento diretto fra conti bancari e i digital wallet come PayPal. Tuttavia, stanno prendendo piede anche altri metodi di pagamento. Lo shopping frequente, ad esempio, permette alle persone di accumulare punti attraverso programmi fedeltà, usati per acquistare nuovamente dallo stesso retailer. Inoltre, grazie agli smartphone e agli smartwatch, i clienti non devono più portare con sé né il portafoglio, né soldi in contanti, né carte fisiche. Questo nuovo fenomeno ha aiutato la diffusione di dispositivi di pagamento “contactless”, come PayPass ed ApplePay, utilizzati regolarmente da un terzo degli acquirenti coinvolti dallo studio (30%).

Part time, in Italia più che una scelta è un ripiego

Il part time un lusso professionale? Forse una volta, adesso non più. Un tempo, infatti, la possibilità di lavorare per metà giornata o per un numero di ore minore a settimana era una vera e propria aspirazione per mamme con bambini piccoli ma anche per studenti e studentesse, che potevano proseguire il loro percorso di studi con la sicurezza di un’entrata economica.

Oggi invece è un “ripiego”

Insomma, se raccontato così il pet time sembra un ‘opportunità validissima per molti, nella realtà odierna non è proprio così. E soprattutto non è una scelta. “Nella maggior parte dei casi non è la disponibilità di maggior tempo libero a spingere gli italiani ad abbracciare il part time quanto invece la difficoltà nel trovare un lavoro a tempo pieno” spiega a questo proposito Carola Adami, CEO della società di ricerca e selezione del personale Adami&Associati. Il contratto a tempo parziale, dunque, sembra aver perso la sua valenza originale, per diventare invece un vero e proprio ripiego, del quale è più facile vedere gli svantaggi che i benefici.

I numeri ufficiali

In merito non mancano dati ufficiali. I numeri Eurostat  sono eloquenti: guardando ai dati del 2017, il 63,5% dei lavoratori part-time tra i 15 e i 64 anni ha dichiarato di aver accettato questo contratto per l’impossibilità di trovare un contratto full-time. Si tratta di una fetta di lavoratori che  è diminuita di quasi 2 punti percentuali rispetto al 2016, ma resta pur sempre di molto maggiore rispetto allo stesso dato del 2008: prima della crisi, infatti, il part-time era una scelta ‘obbligata’ e non voluta dal 41,3% degli intervistati. In Europa, attualmente, solo Grecia e Cipro hanno percentuali maggiori, laddove la media dei Paesi UE si ferma al 26,4%. Dati molto diversi per la Germania, dove solo l’11,3% degli intervistati ha accettato un part-time come ripiego. Altra informazione che emerge dalle analisi è che il part-time, in Italia, non viene utilizzato per continuare gli studi: solo il 2,1% degli intervistati riferisce che il lavorare a tempo parziale rappresenta un espediente per proseguire il proprio percorso educativo. Nel Regno Unito, questa percentuale raggiunge il 12,9%. “Va peraltro sottolineato il fatto per cui l’Italia, tra tutti i membri UE, è anche il Paese in cui i lavoratori part-time sono cresciuti di più negli ultimi anni: si parla infatti di quasi 10 punti in più percentuali tra il 2002 e il 2015” ha detto Adami.

La posizione delle aziende

Ancora, sembra che determinate aziende concedano malvolentieri il part-time. “Per questioni puramente organizzative le realtà del manifatturiero e le piccole aziende non sono portate a concedere i part-time ai propri dipendenti, laddove invece il tempo parziale è molto comune nel pubblico” ha concluso l’esperta.

Certificazione digitale, nasce il primo polo europeo

La necessità di certificare l’identità dei clienti online è la sfida principale delle aziende impegnate nel processo di trasformazione digitale. Quando si stipulano accordi online è infatti necessario garantire la certezza delle identità delle parti, e assicurare il valore legale dei documenti sottoscritti durante un accordo. Occorrono quindi strumenti che sappiano conciliare la sicurezza e l’aderenza alla normativa con l’immediatezza e la praticità del mondo digitale.

Garantire la sicurezza delle transazioni commerciali in rete è proprio l’obiettivo del primo polo europeo per la certificazione digitale, nato dalla certification authority italiana InfoCert (Gruppo Tecnoinvestimenti), insieme a Camerfirma, una delle principali autorità di certificazione spagnole.

Un “campione europeo” del digital trust

Nell’era digitale, sia per chi opera a livello locale sia a livello internazionale, la sicurezza delle transazioni e delle comunicazioni è fondamentale. “Grazie all’ingresso in InfoCert Gruppo Tecnoinvestimenti – spiega Alfonso Carcasona, Managing Director di Camerfirma – le sinergie in infrastrutture, innovazione e sviluppo di nuovi prodotti e soluzioni si traducono in benefici tangibili per i nostri clienti attuali e potenziali”. Di sicurezza, mercato unico digitale e strumenti per la certificazione si è discusso a Madrid, nel corso del convegno dal titolo Costruendo il futuro digitale. Dove InfoCert ha dichiarato la propria ambizione a diventare “campione europeo” del digital trust.

Una rampa di lancio per l’espansione nei mercati di Francia, Belgio e Olanda.

La crescita di InfoCert è avvenuta attraverso una strategia di acquisizioni, che ha portato nel 2018 all’acquisizione di Camerfirma, e del 50% di Luxtrust, certification autority del Lussemburgo.

L’acquisizione di Camerfirma è stata la prima pietra miliare del percorso di sviluppo internazionale di InfoCert, cui ha fatto seguito il recente annuncio della sua joint venture paritetica con LuxTrust, il principale fornitore di Trust Services in Lussemburgo. Una vera e propria rampa di lancio per l’espansione di InfoCert nei mercati di Francia, Belgio e Olanda.

L’integrazione delle offerte permette una copertura di mercato più efficace

L’evento di Madrid ha consentito a Camerfirma e InfoCert di “presentarsi a una platea autorevole nel loro comune ruolo di fornitore europeo di servizi fiduciari, ma con solide radici istituzionali nel mercato nazionale spagnolo – dichiara Danilo Cattaneo, Amministratore Delegato di InfoCert Gruppo Tecnoinvestimenti -. L’integrazione delle nostre rispettive offerte ci permette una copertura di mercato più efficace, con servizi più ricchi e capaci di aiutare concretamente le organizzazioni pubbliche e private a rispondere al meglio alle sfide che le attendono”.

Autunno, gli alimenti alleati del buonumore

Scendono le temperature, le giornate diventano più corte, e gli impegni quotidiani incombono. Mancanza di energia, spossatezza, sonnolenza, malinconia e riduzione della produttività sono alcuni dei sintomi da cambio di stagione. Che per molti  non è indolore, e necessitano di un periodo di assestamento perché il fisico e l’umore si stabilizzino. Per recuperare vitalità e benessere un aiuto attiva dalla tavola, privilegiando una serie di alimenti che stimolano la produzione di sostanze che aiutano il buonumore, o le contengono direttamente. Come le vitamine del gruppo B, il ferro, il potassio e il magnesio.

Vitamine del gruppo B, sali minerali e amminoacidi

In particolare, la vitamina B12 favorisce il buon funzionamento del sistema immunitario e la formazione dei globuli rossi, mentre le vitamine B2 e B6 contribuiscono a ridurre il senso di stanchezza e affaticamento. Anche il ferro aiuta a contrastare la stanchezza, mentre il potassio è utile per il benessere del cervello e per l’equilibrio della pressione sanguigna, riporta Askanews.

Il magnesio aiuta invece ad affrontare i periodi di tensione, e gli acidi grassi omega 3 e il triptofano (un amminoacido presente nella maggior parte delle proteine che assumiamo con gli alimenti) migliorano umore, concentrazione e memoria. Il triptofano ha anche un effetto positivo sullo stress, perché in presenza di vitamine del gruppo B, di carboidrati e ferro aumenta la produzione della serotonina.

Latte, yogurt, mandorle, uova, pasta e banane

Ecco i 12 alimenti che non dovrebbero mancare in una dieta quotidiana, soprattutto durante il cambio di stagione. Primi fra tutti latte e yogurt, fonti di calcio, minerale dal ruolo fondamentale in molti processi del nostro organismo, che contribuisce anche d attenuare insonnia e nervosismo. Poi mandorle, perché la frutta secca è ricca di magnesio, e aiuta a proteggere il nostro corpo da stanchezza fisica e mentale. E le uova, un vero e proprio toccasana per il nostro umore, ricche di vitamina D, vitamina E, zinco e Omega 3, che influiscono positivamente sul funzionamento del nostro organismo.

Anche la pasta è una buona fonte di energia, in particolare di carboidrati e di triptofano. E ancora le banane, ricche di potassio e magnesio.

Pesce, carne, cioccolato, avena, miele e lenticchie

Tra i pesci, salmone e tonno sono ricchi di Omega 3, acidi grassi essenziali che agiscono sulla serotonina e sono preziosi per il funzionamento del nostro cervello. Sì anche alla carne di pollo, ricca di proteine, ma povera di grassi, e alla bresaola, ricca di proteine, vitamine del gruppo B, zinco, ferro e selenio. Molto conosciuto l’effetto antidepressivo del cioccolato, ricco di triptofano, aiuta a ridurre lo stress e ci regala una piacevole sensazione di benessere.

Ma anche l’avena sa il fatto suo: è un cereale ricco di fibre, carboidrati ed è una buona fonte proteica. Per non parlare del miele, alimento dalle proprietà antibatteriche e cicatrizzanti, e delle lenticchie, un legume nutriente che contiene ferro, potassio e fosforo.

La corruzione divora 10 miliardi di Pil all’anno

Negli ultimi 10 anni in Italia la corruzione ha letteralmente divorato 10 miliardi di euro l’anno di Pil: 100 miliardi in dieci anni. Secondo lo studio di Unimpresa sui costi dell’illegalità, la corruzione inoltre fa diminuire gli investimenti esteri nel nostro Paese del 16%, e fa aumentare del 20% il costo complessivo degli appalti. E non è tutto: le aziende che operano in un contesto corrotto crescono in media del 25% in meno rispetto alle concorrenti che operano in un’area di legalità. In particolare, le piccole e medie imprese, che hanno un tasso di crescita delle vendite di oltre il 40% inferiore rispetto a quelle grandi.

Il costo annuo della corruzione nell’Ue raggiunge 120 miliardi di euro

Lo studio di Unimpresa parte dal presupposto che il costo della corruzione nell’Ue raggiunga 120 miliardi di euro l’anno, pari all’1% del Pil dell’Unione. A livello mondiale, poi, ogni anno si pagano più di 1.000 miliardi di dollari in tangenti, e si perde circa il 3% del Pil mondiale. Danni economici a cui si aggiungono quelli altrettanto gravi del degrado etico e sociale.

In Italia crolla il punteggio dell’Indice di percezione della corruzione

Unimpresa rileva inoltre che il peggioramento di un punto dell’Indice di percezione della corruzione (Cpi) determina una riduzione annua del Pil pari allo 0,39%, e del reddito pro capite pari allo 0,41%, e riduce la produttività del 4% rispetto al prodotto interno lordo.

Poiché l’Italia nell’ultimo decennio ha visto un crollo del proprio punteggio nel Cpi da 5,5 a 3,9, Unimpresa stima una perdita di ricchezza causata dalla corruzione pari a circa 10 miliardi di euro annui in termini di Pil, circa 170 euro annui di reddito pro capite, e oltre il 6% in termini di produttività.

Particolarmente pesante, secondo l’associazione, è l’impatto di questi costi sulla crescita del Paese, perché la corruzione diffusa altera la libera concorrenza favorendo la concentrazione della ricchezza fra coloro che la accettano e ne beneficiano, a scapito di chi si rifiuta di accettarne le condizioni.

Se la corruzione assume carattere endemico e pervasivo diviene sistema

Secondo gli analisti dell’associazione, quando la corruzione assume carattere endemico e pervasivo diviene sistema, ed è addirittura in grado di falsare la rappresentanza democratica e compromettere la stabilità governativa di un Paese.

“Le indagini di questi giorni sulla città di Roma – commenta il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara – rendono urgente un intervento serio da parte del governo e del Parlamento per ridurre i costi dell’illegalità che gravano sulle imprese italiane”.

Inoltre, sempre secondo Unimpresa, sono proprio le stesse leggi che, omettendo di prevedere precisi vincoli di destinazione e rigorosi obblighi di rendiconto all’attività di spesa, creano i presupposti per favorire la dissipazione illecita del denaro pubblico.